AVVERSITA' SUL TERRITORIO

 

Processionaria del pino

(Traumatocampa pityocampa = Thaumetopoea pityocampa)

CHE COS'E'

E' un lepidottero defogliatore che attacca un po' tutte le specie di pino fra cui Pino nero (Pinus nigra) e Pino silvestre (P. sylvestris) costituiscono gli ospiti eletti ma è in grado di svilupparsi anche su Pino d'Aleppo (P. halepensis), Pino da pinoli (P. pinea), Pino marittimo (P. pinaster), P. insignis e, più raramente, su P. strobus e Larice (Larix decidua) e su varie specie di cedro (Cedrus spp.). Questi insetti di taglia media defogliano le piante su cui vivono. Sono presenti ovunque in Italia e diffusi in tutti i paesi del bacino del Mediterraneo. Gli adulti hanno ali anteriori di colore grigiastro con striature più scure e ali anteriori chiare con una macchia più scura al margine posteriore. Le femmine hanno antenne filiformi mentre nei maschi sono bipettinate. Le larve presentano delle verruche fornite di peli urticanti, hanno abitudini gregarie e si spostano camminando in processione. 

COME VIVE

Compie una generazione all'anno. Gli adulti sfarfallano dalla metà di giugno fino alla fine di agosto con massimo in luglio. Le femmine depongono le uova (da 70 fino a oltre 300) a guisa di manicotto attorno a due aghi. Dalla metà di agosto compaiono le prime larve, queste manifestano abitudini gregarie, si alimentano a spese degli aghi scheletrizzandoli e costruiscono dei nidi sericei nelle parti meglio esposte della pianta. In ottobre alla fine della terza età, costruiscono dei nidi più grandi all'interno dei quali trascorrere l'inverno e da cui escono nelle ore notturne per alimentarsi quando la temperatura è superiore a 0°C. E' alla fine dell'inverno nei mesi di febbraio-marzo che le larve, ripresa in pieno l'attività trofica, producono i danni maggiori. Verso la fine di maggio, terminato il V stadio evolutivo, abbandonano i nidi e scendono in processione fino al suolo. Trovato un luogo adatto si interrano a una profondità di 5-20 cm chiudendosi all'interno di un bozzolo. La metamorfosi può essere portata a termine nel corso dell'estate, ma molto di frequente le larve entrano in diapausa e si ha sfarfallamento solo nell'estate successiva o addirittura qualche anno dopo per le zone di montagna.

COSA DANNEGGIA

Le larve si alimentano a spese delle parti vegetative delle piante ospiti, scheletrizzando e divorando gli aghi. Le piante giovani in seguito a defogliazioni intense possono subire i danni maggiori indebolendosi e divenendo preda di altri insetti quali scolitidi e pissode. Le infestazioni, che seguono cicli di 5-7 anni, interessano piante ben esposte al sole spesso su terreni aridi che crescono ai bordi dei coniferamenti. Le larve oltre la III età presentano nella zona centrale di ciascun urite delle cavità ricchissime di microscopici peli urticanti che possono provocare irritazioni cutanee, agli occhi, alle mucose e alle vie respiratorie di chi incautamente cerca di rimuove i nidi o si sofferma sotto le piante infestate.

COME SI COMBATTE

Per combattere efficacemente l'insetto è indispensabile, innanzitutto, evitare la messa a dimora di conifere del genere Pinus (in particolare di Pinus nigra) ad un'altitudine inferiore ai 500 m s.l.m. e, in ogni caso, nelle zone particolarmente colpite dal parassita. In presenza di infestazioni occorre poi intervenire in diversi momenti dell'anno.

In inverno si effettua la raccolta dei nidi e lo smaltimento in discarica (o possibilmente la distruzione col fuoco), operazioni da eseguirsi con la massima cautela per evitare ogni contatto con i peli urticanti delle larve.

A fine estate (fine agosto-inizio settembre) si interviene con trattamenti alla chioma con un insetticida microbiologico a base di Bacillus thuringiensis var. kurstaki. Dosi di 100-150 grammi di prodotto diluiti in 100 litri d'acqua forniscono ottimi risultati nei confronti delle larve di prima e seconda età. Dosi superiori (fino a 300-350 g/hl) si rendono necessarie in caso di larve più grosse. I trattamenti vanno eseguiti in ore serali e in assenza di vento, avendo cura di bagnare la chioma in maniera uniforme. Il prodotto ha un'azione limitata nel tempo ed è facilmente dilavabile. Pertanto, in caso di grosse infestazioni o di piogge dilavanti, è bene ripetere il trattamento dopo alcuni giorni.

Il prodotto microbiologico consigliato è del tutto innocuo per l'uomo, i vertebrati e gli insetti utili in genere.

Mezzi complementari di lotta sono inoltre costituiti dalle trappole a feromoni sessuali per la cattura massale dei maschi adulti. Le trappole vanno installate nella prima metà di giugno, fissandole a un ramo in posizione medio alta e sul lato sud ovest delle piante. In parchi e giardini si consigliano 6-8 trappole per ettaro, distanti tra loro 40-50 metri, mentre nei boschi esse vanno collocate ogni 100 metri lungo il perimetro e le strade d'accesso. Le trappole vanno inoltre posizionate soprattutto nei punti più soleggiati e dove l'infestazione è di solito maggiore.

 r.c.

Si ricorda che le spese sostenute per l'attuazione di interventi di lotta alla processionaria del pino sono a carico dei proprietari delle piante infestate.

PDF_icona_PDF_small.png

Processionaria depliant

decreto PF NON professionali

decreto PF NON professionali

Il Ministero della Salute ha pubblicato il decreto relativo ai requisiti dei prodotti fitosanitari p…


Spostamento alveari

Spostamento alveari

Per evitare il rischio di disseminazione a mezzo delle api del batterio Erwinia amylovora


Approvati i Disciplinari di produzione integrata

Approvati i Disciplinari  di produzione integrata

  Con Determinazione del Responsabile Servizio Agricoltura Sostenibile n. 2848/2018 è stato approva…


atti

atti

Sono disponibili gli atti degli incontri tecnici sulla RALSTONIA e AGGIORNAMENTO DPI al seguente L…


nidi di processionaria

nidi di processionaria

Se si nota la presenza di nidi di processionaria sulla chioma di pini e cedri, è opportuno asportarl…


vietati impianti di Crataegus anno 2018

vietati impianti di Crataegus anno 2018

  vietati impianti di Crataegus  per l'anno 2018   Il Servizio Fitosanitario della Regione Emilia…


Notifica cartella di pagamento tramite PEC

Notifica cartella di pagamento tramite PEC

l’Agente della Riscossione, Equitalia Servizi Riscossione SpA, ai sensi dell’art. 26 DPR n. 602 del …


deroga territoriale pomodoro

deroga territoriale pomodoro

  Deroga valida per l'intero territorio della provincia di Piacenza, per l'esecuzione di un terzo i…


Decreto glifosate: revoche e restrizioni

Decreto glifosate: revoche e restrizioni

Il decreto , firmato il 9 agosto 2016  dal Ministero della Salute, riguarda le restrizioni relative …


La cimice asiatica

La cimice asiatica

Bastano alcuni accorgimenti per evitare che nelle nostre case le cimici asiatiche trovino un buon ri…


FOCUS SUL TERRITORIO

FOCUS SUL TERRITORIO

Le informazioni aggiornate sulla situazione fitosanitaria dei patogeni più rilevanti presenti sul te…


Flavescenza dorata della vite

Flavescenza dorata della vite

Le prescrizioni fitosanitarie per la lotta contro la Flavescenza dorata della vite in Emilia-Romagna…


Processionaria del pino

Processionaria del pino

CHE COS'E' E' un lepidottero defogliatore che attacca un po' tutte le specie di pino fra cui Pino n…


programma di controllo 2014

programma di controllo 2014

A CHE PUNTO SIAMO? A sei anni dal primo ritrovamento del cinipide nella nostra Regione, la diffusio…


Stolbur

  COS’E’ Lo stolbur è un fitoplasma che colpisce le piante di pomodoro, soprattutto quelle a ciclo…


programma di controllo 2012

programma di controllo 2012

A CHE PUNTO SIAMO? Maggio 2012. Sono trascorsi 4 anni da quando il cinipide galligeno Dryocosmus ku…


Tarlo asiatico

Tarlo asiatico

Questo coleottero cerambicide è in cima alla lista degli organismi nocivi più ricercati sul nostro t…


Colpo di fuoco batterico

  IL TERRITORIO E' caratterizzato prevalentemente da coltivazioni erbacee (pomodoro, medica, bieto…


VERDE ORNAMENTALE

VERDE ORNAMENTALE

  VERDE ORNAMENTALE   INSETTI   Cameraria dell'ippocastano Metcalfa …


Metcalfa pruinosa

Metcalfa pruinosa

CHE COS'E' Metcalfa è un insetto di modeste dimensioni (l'adulto raggiunge circa 7 mm.) che è possib…


Diabrotica del mais


Relazioni Incontro Mal dell'Esca 26 febbraio 2015

Relazioni Incontro Mal dell'Esca 26 febbraio 2015

Scarica le relazioni dell'incontro tecnico sul "Mal dell'esca della vite: cause, sintomi e metodi di…


Orobanche

  COS’E’ Le orobanche sono delle infestanti parassite obbligate. Essendo prive di clorofilla non p…


Cameraria dell'ippocastano

Cameraria dell'ippocastano

Si tratta di un piccolo lepidottero (Cameraria ohridella), proveniente dall’Est europeo, che negli a…


FRUTTIFERI

FRUTTIFERI

  FRUTTIFERI    Moscerino dei piccoli frutti   Colpo di fuoco batterico   C…


Tingide del platano

Tingide del platano

CHE COS'E' E' un insetto di piccole dimensioni (circa 4 mm. di lunghezza), molto comune in tutte le…


Piralide del bosso

Piralide del bosso

CHE COS'E' E' un lepidottero di piccole dimensioni che allo stadio di larva defoglia attivamente le…


Atti incontro pomodoro del 19 febbraio 2015

Atti incontro pomodoro del 19 febbraio 2015

  L'incontro tecnico organizzato dal Consorzio Fitosanitario di Piacenza in collaborazione con il C…


Cancro colorato del platano

Cancro colorato del platano

    Prescrizioni fitosanitarie - Lotta al cancro colorato - Det. n° 671 del 21/01/2016 …


MAIS

MAIS

  MAIS   Diabrotica del mais