MONITORAGGI

 

VESPA CINESE DEL CASTAGNO

Dryocosmus kuriphilus

ANTEFATTO

Questo imenottero infeudato al castagno è un organismo nocivo recentemente rinvenuto sul territorio nazionale (2002-Piemonte) e regionale (2008 Carpineti-RE) momento in cui è iniziato il monitoraggio specifico anche a Piacenza che ha dato esito positivo solo nel 2010 quando nel parco provinciale sono stati rilevati i primi sintomi. 

SITUAZIONE

Dal 2008 il territorio collinare-montano della provincia è stato interessato da un monitoraggio specifico che ha visto la collaborazione anche del Corpo Forestale dello Stato, il quale con numerose segnalazioni ha contribuito a delineare la presenza di questo organismo nocivo al castagno. Nei primi anni (2010-2012) il parassita era scarsamente presente facendo la sua comparsa nella parte est della provincia (espandendosi dalla provincia di Parma e dalla Liguria) per poi diffondersi (2013-2014) al resto del territorio provinciale (con presenza di castagno) ed interessando ad oggi (pur con livelli di infestazione anche molto diversi) tutte le zone in cui è presente castagno (in purezza o nei boschi misti). 

OBIETTIVI

L'obiettivo a cui si è lavorato in questi anni è stato quello di favorire meccanismi biologici di controllo della vespa cinese, in primo luogo attraverso l'introduzione nei castagneti del suo naturale antagonista, l'insetto Torymus sinensis coprendo gradualmente e in funzione della disponibilità di materiale i boschi di castagno presenti sul territorio provinciale. 

INTRODUZIONE DI TORYMUS SINENSIS

L'introduzione però non è stata possibile fino ad un effettivo insediamento del parassita. Accade infatti che per insediarsi l'insetto antagonista (Torymus sinensis) deve trovare una presenza cospicua del parassita del castagno (Dryocosmus kuriphilus), in quanto questi due organismi sono strettamente legati e il primo non può vivere senza il secondo a spese del quale completa il propro ciclo vitale.

Ne consegue che da quando viene rinvenuto a quando è possibile effettuare i primi rilasci deve passare un intervallo di tempo sufficiente al fine del raggiungimento della densità ottimale per l'insediamento dell'insetto antagonista e possano essere effettuati i rilasci. 

SITUAZIONE DEI RILASCI SUL TERRITORIO PROVINCIALE

Sono stati interessati dal rilascio i seguenti siti:

  • 2015 (n. 20 rilasci): Ferriere (loc. Cassimoreno, loc. Cattaragna, loc. Cattaragna-I Pianoni,, loc. Bosco Grande), Gropparello (loc. Veggiola-Strada della Costa, loc. Gusano-Il Poggio, loc. Gusano-Rio Marzano-La Garella di Sopra), Travo (loc. Costa del Bulla, loc. Cà del Bulla, loc. Cà del Duca), Pianello Val Tidone (loc. Case Gramonti-Rocca d'Olgisio), Piozzano (loc. Poggio Arena-Vidiano Soprano), Pecorara (loc. Casoni), Zerba (loc. Cerreto, loc. Belnome, loc. Barchi-Castan, loc. Barchi-Garban), Ottone (loc. Gramizzola-campo sportivo, loc. Gramizzola SE), Luganano Val d'Arda (loc. Carignone).
  • 2014 (n. 13 rilasci): Gropparello (loc. Gelati), Pecorara (loc. Lazzarello), Coli (loc. Magrini e loc. Faraneto), Ottone (loc. Barchi-Reneizu e loc. Barchi-Crösci), Cerignale (loc. Casale), Ferriere (loc. Cattaragna-Lomumortu e loc. Cattaragna-Pian delle Caselle, loc. Castagnola sopra Chiesa, loc. Castagnola-sotto paese, loc. Cassimoreno), Travo (loc. Monte Bogo). 
  • 2013 (n. 3 rilasci): Vernasca (loc. Vezzolacca-Castelletto). 
  • 2012 (n. 2 rilasci): Vernasca (loc. Vezzolacca e Parco Provinciale).


CONSIGLI TECNICI 

Si raccomanda nei siti di rilascio di

  • non potare e di non bruciare nulla fino a metà novembre. 
  • successivamente è possibile fare delle potature ma non bruciare nulla lasciando i residui nel bosco (anche le foglie cadute). 
  • i residui di potatura e le foglie secche possono essere eliminati dopo 16-18 mesi dal taglio.  

r.c.

decreto PF NON professionali

decreto PF NON professionali

Il Ministero della Salute ha pubblicato il decreto relativo ai requisiti dei prodotti fitosanitari p…


Spostamento alveari

Spostamento alveari

Per evitare il rischio di disseminazione a mezzo delle api del batterio Erwinia amylovora


Approvati i Disciplinari di produzione integrata

Approvati i Disciplinari  di produzione integrata

  Con Determinazione del Responsabile Servizio Agricoltura Sostenibile n. 2848/2018 è stato approva…


atti

atti

Sono disponibili gli atti degli incontri tecnici sulla RALSTONIA e AGGIORNAMENTO DPI al seguente L…


nidi di processionaria

nidi di processionaria

Se si nota la presenza di nidi di processionaria sulla chioma di pini e cedri, è opportuno asportarl…


vietati impianti di Crataegus anno 2018

vietati impianti di Crataegus anno 2018

  vietati impianti di Crataegus  per l'anno 2018   Il Servizio Fitosanitario della Regione Emilia…


Notifica cartella di pagamento tramite PEC

Notifica cartella di pagamento tramite PEC

l’Agente della Riscossione, Equitalia Servizi Riscossione SpA, ai sensi dell’art. 26 DPR n. 602 del …


deroga territoriale pomodoro

deroga territoriale pomodoro

  Deroga valida per l'intero territorio della provincia di Piacenza, per l'esecuzione di un terzo i…


Decreto glifosate: revoche e restrizioni

Decreto glifosate: revoche e restrizioni

Il decreto , firmato il 9 agosto 2016  dal Ministero della Salute, riguarda le restrizioni relative …


La cimice asiatica

La cimice asiatica

Bastano alcuni accorgimenti per evitare che nelle nostre case le cimici asiatiche trovino un buon ri…


FOCUS SUL TERRITORIO

FOCUS SUL TERRITORIO

Le informazioni aggiornate sulla situazione fitosanitaria dei patogeni più rilevanti presenti sul te…


Flavescenza dorata della vite

Flavescenza dorata della vite

Le prescrizioni fitosanitarie per la lotta contro la Flavescenza dorata della vite in Emilia-Romagna…


Processionaria del pino

Processionaria del pino

CHE COS'E' E' un lepidottero defogliatore che attacca un po' tutte le specie di pino fra cui Pino n…


programma di controllo 2014

programma di controllo 2014

A CHE PUNTO SIAMO? A sei anni dal primo ritrovamento del cinipide nella nostra Regione, la diffusio…


Stolbur

  COS’E’ Lo stolbur è un fitoplasma che colpisce le piante di pomodoro, soprattutto quelle a ciclo…


programma di controllo 2012

programma di controllo 2012

A CHE PUNTO SIAMO? Maggio 2012. Sono trascorsi 4 anni da quando il cinipide galligeno Dryocosmus ku…


Tarlo asiatico

Tarlo asiatico

Questo coleottero cerambicide è in cima alla lista degli organismi nocivi più ricercati sul nostro t…


Colpo di fuoco batterico

  IL TERRITORIO E' caratterizzato prevalentemente da coltivazioni erbacee (pomodoro, medica, bieto…


VERDE ORNAMENTALE

VERDE ORNAMENTALE

  VERDE ORNAMENTALE   INSETTI   Cameraria dell'ippocastano Metcalfa …


Metcalfa pruinosa

Metcalfa pruinosa

CHE COS'E' Metcalfa è un insetto di modeste dimensioni (l'adulto raggiunge circa 7 mm.) che è possib…


Diabrotica del mais


Relazioni Incontro Mal dell'Esca 26 febbraio 2015

Relazioni Incontro Mal dell'Esca 26 febbraio 2015

Scarica le relazioni dell'incontro tecnico sul "Mal dell'esca della vite: cause, sintomi e metodi di…


Orobanche

  COS’E’ Le orobanche sono delle infestanti parassite obbligate. Essendo prive di clorofilla non p…


Cameraria dell'ippocastano

Cameraria dell'ippocastano

Si tratta di un piccolo lepidottero (Cameraria ohridella), proveniente dall’Est europeo, che negli a…


FRUTTIFERI

FRUTTIFERI

  FRUTTIFERI    Moscerino dei piccoli frutti   Colpo di fuoco batterico   C…


Tingide del platano

Tingide del platano

CHE COS'E' E' un insetto di piccole dimensioni (circa 4 mm. di lunghezza), molto comune in tutte le…


Piralide del bosso

Piralide del bosso

CHE COS'E' E' un lepidottero di piccole dimensioni che allo stadio di larva defoglia attivamente le…


Atti incontro pomodoro del 19 febbraio 2015

Atti incontro pomodoro del 19 febbraio 2015

  L'incontro tecnico organizzato dal Consorzio Fitosanitario di Piacenza in collaborazione con il C…


Cancro colorato del platano

Cancro colorato del platano

    Prescrizioni fitosanitarie - Lotta al cancro colorato - Det. n° 671 del 21/01/2016 …


MAIS

MAIS

  MAIS   Diabrotica del mais